Come velocizzare un sito WordPress

Come velocizzare sito WordPress

Velocizzare WordPress: come ottimizzare il sito web per migliorare la Pagespeed e i tempi di caricamento pagina

Perché è importante velocizzare un sito WordPress:

  • Migliora il posizionamento su Google: la velocità di apertura delle pagine web è tra i fattori di ranking che permettono di raggiungere la prima pagina dei motori di ricerca.
  • Diminuisce la frequenza di rimbalzo: ti è mai capitato di visitare qualche sito web e sei uscito subito dopo perché non sei riuscito a visualizzare velocemente ciò che stavi cercando? Ecco, un sito veloce ti aiuta a non perdere potenziali clienti!

WordPress grazie alla sua semplicità d’uso è diventato oggi il CMS open source per realizzare siti web professionali più utilizzato al mondo.

Il successo di WordPress è senz’altro dovuto alle numerose funzionalità, temi e plugin che vengono sviluppati e supportati dagli utenti della community.

Tuttavia, plugin, temi non performanti, estensioni, script e codice duplicato possono causare rallentamenti Backend e Frontend determinando un impatto negativo sull’esperienza utente e calo del traffico organico. Se desideri ottenere il massimo dal tuo sito web, oltre a curare il design e la comunicazione online, devi ottimizzare i tempi di caricamento.

Come migliorare le performance WordPress velocemente in 10 mosse

  1. Disabilita i Google Font: rimuovi il caricamento dei caratteri Google Font utilizzati dal core di WordPress, nei temi e nei plugin.
  2. Rimuovi CSS e Javascript non necessari: il CSS e il JS sono due linguaggi di programmazione che servono a personalizzare grafica, colori e animazioni di una pagina web. Dopo aver ispezionato il codice sorgente del sito procedi con la rimozione di codici CSS e JS duplicati e non più necessari.
  3. Rimuovi i plugin non necessari: controlla i plugin installati e cerca di capire quali non sono più necessari e che possono essere eliminati. Ricorda che tante funzionalità extra possono essere incluse in WordPress scrivendo poche righe di codice. Alcuni plugin oltre a causare un consumo eccessivo di CPU possono causare anche errori server come l’errore 403 forbidden.
  4. Mantieni il database pulito: il database serve a coordinare tutte le istruzioni e le informazioni che attraversano il tuo sito web, per questo motivo, a lungo andare tenderà a riempirsi di istruzioni “non assolutamente necessarie”, che prima o poi influenzeranno negativamente la performance.
  5. Comprimi immagini e video: un sito web senza immagini è come un albero privo di foglie. Una buona esperienza utente si ottiene anche grazie all’utilizzo di materiale fotografico e video di alta qualità. Tuttavia, i contenuti multimediali possono incidere sulla Pagespeed ed è quindi necessario procedere con l’ottimizzazione dei file media. Esistono tanti plugin che permettono automaticamente di ridurre la dimensione delle immagini ma consiglio di effettuare tale operazione manualmente utilizzando programmi di editing grafico o utilizzando qualche risorsa di compressione online delle immagini.
  6. Utilizza un sistema di cache: la memorizzazione in cache consiste in un processo di archiviazione temporanea di documenti web come pagine HTML e immagini per velocizzare i tempi di apertura e visualizzazione delle pagine web.
  7. Comprimi le risorse CSS e JS: cerca di ottenere il caricamento asincrono delle risorse non necessarie, privilegiando la visualizzazione iniziale dei contenuti più importanti e dai istruzioni di caricare file CSS e JS in un secondo momento.
  8. Abilita il Lazy load: applica il sistema di caricamento lento alle immagini e ai video. In questa maniera le risorse multimediali caricheranno soltanto quando l’utente effettuerà lo scroll della pagina. Questo ridurrà notevolmente i tempi di caricamento del sito web e le prestazioni in generale.
  9. Utilizza l’ultima versione di PHP disponibile: il PHP è il linguaggio di programmazione che costituisce la struttura di un sito WordPress, e tramite determinate “query” permette l’elaborazione dei dati del database MySQL.
  10. Configura una CDN: la CDN (Content Delivery Network) trasmette una copia del tuo sito Web in vari Data Center situati in diverse località. La funzione principale di un CDN è quella di servire agli utenti le pagine web dal Data Center più vicino.

Velocizzare WordPress

Servizio Hosting provider e velocità di caricamento pagina sito WordPress

Sfatiamo un mito, ovvero quello del sito lento causato dal servizio hosting.

La lentezza di un sito web non è sempre determinata dalla risorse che un Server provider mette a disposizione, ma dal modo in cui un sito web viene realizzato.

Puoi anche utilizzare un server dedicato, ma se installi plugin a gogò e utilizzi un page builder che produce una quantità infinita di codice sporco, c’è poco da fare 😉

Articoli correlati
Menu