Errore 404 Page not found: cos’è e come risolverlo

Errore 404 not found

Errore 404 not found (pagina non trovata): un codice di risposta HTTP restituito dal server quando non sei autorizzato a visualizzare determinate informazioni di una pagina web o quando il contenuto del sito web è stato eliminato o non è più disponibile.

Il 404 Error not found, nello specifico indica che il browser è stato in grado di comunicare con il server, ma non è stato possibile generare la pagina richiesta che il client sta tentando di visualizzare. Gli errori 404 di un sito web sono generalmente causati da: pagine eliminate, url modificate e redirect non inseriti, collegamenti URL errati, errori di digitazione degli utenti ed errori Server DNS.

Quando si verificano gli errori 404, sul browser potranno apparire diversi messaggi di avviso, come:

  • Errore 404 pagina non trovata;
  • 404 pagina non trovata;
  • Errore 404 non trovato;
  • Errore HTTP 404;
  • Errore Server 404;
  • 404 File o directory non trovati;
  • L’URL richiesto non è stato trovato su questo server.

Errori 404 e Posizionamento SEO

Che impatto hanno gli errori 404 sulla SEO di un sito web? Le linee guida Google sugli errori 404 dichiarano testualmente che:

“In genere gli errori 404 non incidono sul rendimento del tuo sito nella ricerca e puoi tranquillamente ignorarli se hai la certezza che gli URL non esistano sul tuo sito. È importante verificare che questi e altri URL non validi restituiscano un codice di risposta HTTP 404 corretto e che non siano bloccati dal file robots.txt del sito.”

Tuttavia, è bene precisare che esistono differenti scenari di 404 e talvolta possono anche determinare un impatto SEO negativo. Nello Specifico:

  • I 404 non comportano problemi SEO se: hai deliberatamente cancellato alcuni percorsi URL e sei certo di non causare interruzioni link e problemi di navigabilità.
  • I 404 comportano problemi SEO se: alcuni percorsi URL del tuo sito web non sono più disponibili e altre pagine interne del sito puntano alle URL cancellate causando problemi di internal Linking, in questo caso è necessario correggere tempestivamente i link rotti. Stesso discorso vale per il Juice link proveniente da fonti esterne. In questo caso è bene recuperare il valore dei backlink inserendo i redirect 301 verso una pagina con search intent simile a quella precedentemente cancellata.

Come individuare gli errori 404 di un sito web

Bisogna precisare che non tutti i 404 possono essere considerati veri e propri codici di errore. A volte, gli errori 404 possono essere causati da un utente che ha semplicemente inserito un percorso URL errato. Diversamente, gli errori 404 possono essere causati da qualche problema sul server o causati d qualche collegamento link interrotto, in questi casi, per non incorrere in problemi di indicizzazione SEO è necessario individuare e correggere i 404 file not found.

Con Screaming Frog SEO Spider

Per visualizzare i collegamenti link interrotti con Screaming Frog SEO Spider devi:

  1. Avviare Screaming Frog, inserire l’url dominio nel box di ricerca contrassegnato dal segnaposto “inserisci L’URL da scansionare” e avviare la scansione facendo click sul pulsante “INIZIA”
    Trovare errore 404 con Screaming Frog Step 1
  2. Ultimata la scansione, fai clic sulla scheda “Codici di risposta” e seleziona il filtro nella colonna di Dx “Errore client (4XX)”
    Trovare errore 404 con Screaming Frog Step 2
  3. Visualizza l’elenco delle URL contrassegnate da un codice di stato ‘404’.
  4. Utilizza la scheda in basso “Link in entrata” per scoprire da quali pagine provengono i link rotti.
    Trovare errore 404 con Screaming Frog Step 3 e 4

Con Google Search Console

Per visualizzare i collegamenti link interrotti con Google Search Console devi:

  1. Accedere a Search Console Google e selezionare la proprietà di tuo interesse
  2. Selezionare il rapporto copertura facendo click su  Indice > Pagine > Selezionare la casella “Non indicizzate”
  3. Fare clic per espandere l’elenco delle pagine e degli URL che riportano errori 404

Trovare errore 404 con Google Search Console

Con i plugin WordPress

Per gestire i reindirizzamenti su WordPress puoi utilizzare Redirection, un plugin gratuito che ti permette di impostare facilmente i redirect 301, registrare eventuali errori 404 e correggere i link rotti del tuo sito web.

Per visualizzare i collegamenti link interrotti con il plugin  Redirection devi:

  1. Installare e attivare il plugin gratuito Redirection
  2. Completare la configurazione guidata
  3. Fare click su Bacheca > Strumenti > Redirection > 404
  4. Analizzare i link interrotti e correggi facendo click su Redirects > Aggiungi un nuovo reindirizzamento

Trovare errore 404 con plugin WordPress Redirection

Errore 404: come risolvere velocemente

L’errore 404 (pagina non trovata) si verifica principalmente quando insorgono problemi di natura tecnica nel sito web o quando sono stati inseriti redirect non funzionanti. Per risolvere gli errori 404 prova a:

  • Cancellare la cache e i cookie del browser;
  • Se usi WordPress prova a rigenerare i permalink e a ripristinare il file htaccess;
  • Rivedi e correggere i redirect inseriti lato server o con i plugin.

Nel caso in cui dovessi ancora riscontrare l’errore 404 page not found ti consiglio di chiedere supporto al tuo hosting provider o a richiedere assistenza WordPress ad un professionista.

Pagina di errore 404 che piace a Google e agli utenti

Per migliorare le prestazioni del sito web, la pagina 404 deve contenere i link verso le pagine più importanti del sito, le informazioni di contatto e una barra di ricerca in grado di semplificare la navigazione e la ricerca degli utenti.

Prima di creare pagina 404 personalizzata ricorda che devi:

  • Far capire facilmente agli utenti che la pagina cercata non esiste
  • Realizzare una pagina 404 che rispecchi il tuo sito web
  • Segnalare ai motori di ricerca lo stato HTTP 404 della pagina
  • Impostare la pagina 404 in noindex e nofollow
  • Rendere chiaro agli utenti che la pagina non è più disponibile
  • Aggiungere link agli articoli e alle pagine più importanti senza escludere il link verso la Home page
  • Fare in modo che gli utenti possano contattarti facilmente tramite form, chat o numero di telefono

IMPORTANTE: Le linee guida Google dichiarano testualmente: Non creare contenuti falsi, non reindirizzare alla tua home page e non utilizzare il file robots.txt per bloccare gli errori 404 perché sarà più difficile per noi riconoscere la struttura del tuo sito ed elaborarlo correttamente.

Ecco un esempio di pagina 404 personalizzata user friendly 🙂

esempio di pagina di errore 404

WordPress plugin per creare la pagina 404 personalizzata

Il plugin 404page, con oltre 100.000 installazioni attive, è il plugin più utilizzato per creare una pagina di errore 404 personalizzata con WordPress. Per configurarlo devi:

  1. Installare il plugin 404page;
  2. Creare la tua pagina personalizzata di errore 404 utilizzando il classico editor di pagine WordPress;
  3. Fare click su Aspetto > Pagina di errore 404 > Selezionare la pagina creata come pagina di errore 404 personalizzata > Salvare le modifiche.

Procedura per impostare il plugin WordPress pagina 404 personalizzata

Leonardo Spada Web Designer e Consulente SEO
Articoli correlati