Cos’è il link nofollow e come usarlo correttamente

Link nofollow

Come utilizzare l’attributo rel=”nofollow”, come riconoscerlo, come inserirlo correttamente e perché serve a migliorare il posizionamento su Google

Il rel nofollow è un tag che viene utilizzato per indicare ai motori di ricerca quali link devono essere ignorati durante il processo di scansione del sito web (crawling).

Il nofollow dovrebbe essere utilizzato quando:

  • Inserisci link verso contenuti non attendibili o poco autorevoli;
  • Inserisci link a pagamento;
  • Vuoi ottimizzare i tempi di scansione.

Come si controlla se un collegamento è Nofollow

Per capire se un collegamento è nofollow puoi effettuare una veloce verifica tramite codice sorgente oppure tramite estensione browser.

  • Verifica del rel nofollow tramite codice sorgente:  visualizza la pagina di tuo interesse -> fai clic con il tasto destro del mouse e seleziona ispeziona elemento -> posizionati sul link e scopri se è stato inserito l’attributo nofollow.
  • Verifica del rel nofollow tramite browser Google Chrome: l‘estensione nofollow è gratuita ed è disponibile nel Chrome Web Store. Una volta installata ti permetterà di identificare facilmente i collegamenti nofollow e i tag noindex delle pagine web.

Come inserire il rel=”nofollow” sul collegamento ipertestuale

Inserire attributo nofollow su singolo collegamento link: <a href=”URL della pagina di destinazione” rel=”nofollow”>inserire nome link qui</a>

WordPress, principianti e Nofollow

Se sei un principiante e desideri inserire comodamente il tag nofollow sui link WordPress puoi utilizzare un plugin che si chiama “Ultimate nofollow

Una volta installato, il plugin aggiungerà una casella di controllo che servirà ad inserire il nofollow con un click.

Crawling e Nofollow

Per ottimizzare i tempi di crawling all’interno del sito web è bene effettuare delle analisi sui link interni e cercare di escludere i collegamenti ipertestuali meno importanti, come i link verso la pagina di registrazione e login.

Nofollow e Link acquistati

Le Linee guida per i webmaster di Google sono molto chiare a riguardo e indicano che tutti i link acquistati o non naturali dovrebbero avere l’attributo“rel= nofollow”, o utilizzare il nuovo attributo “rel=sponsored”.

Differenza tra Nofollow e Noindex

Il Tag noindex è un metatag che indica ai motori di ricerca di non sottoporre a scansione e di non aggiungere una pagina specifica nell’indice di ricerca.

Quindi ricapitolando:

  • Tag nofollow: indica a google di non seguire un collegamento link;
  • Tag noindex: indica al motore di ricerca di non indicizzare una pagina web.
Articoli correlati
Menu